All'Academy del Gambero Rosso il primo corso, destinato a tutti gli addetti del settore food, per riprendere, montare e rendere virale un video girato con un semplice smartphone.

Tutti hanno uno smartphone, quasi tutti possono girare un video, ma quali sono i trucchi per rendere un contenuto virale e fruttuoso? Il 24 settembre Enrico Coppola, creatore del progetto Mojoma (Mobile Journalism Marketing), svela tutti i segreti del caso. Appuntamento a Roma, all'Academy del Gambero Rosso.

Videomaking per il Marketing Enogastronomico

Titolo immediato, in coerenza con le tematiche che si affronteranno durante il workshop (cosa c'è di più immediato di un video?) organizzato il 24 settembre a Roma all'Academy del Gambero Rosso. Un appuntamento utile per tutti coloro, che per un motivo o per un altro, non possono investire in videomaker o montatori, ma hanno l'urgenza di promuovere il proprio locale attraverso quella che oggi è la forma di comunicazione più efficace e potente, ovvero il video. È infatti appurato che le immagini e i suoni rimangono maggiormente impressi rispetto al testo, un dato riscontrabile anche dal fatto che i due maggiori social network, Facebook e Instagram, abbiano da tempo reso i video un asset importante delle loro piattaforme di distribuzione dei contenuti. Ed è dunque per questo che attualmente le strategie per il successo di un business non possono non passare dalla creazione di video.

Durante la giornata del 24 settembre Coppola insegnerà a riprendere e montare video con un linguaggio professionale, ma anche a sviluppare un piano di comunicazione basato su piccoli web format con l'obiettivo di fare breccia nel cuore degli utenti e di sfruttare le enormi potenzialità dei social network, i quali permettono la condivisione immediata, a volte più efficace di una canonica campagna pubblicitaria. Cosa occorre per partecipare? Uno smartphone e pochi semplici accessori, come un microfono e un cavalletto.

Per iscriversi: Videomaking per il Marketing Enogastronomico