Nel primo giorno da capitale della cultura, i Sassi di Matera suonano al ritmo delle bande musicali confluite in città. Dopo la cerimonia inaugurale, per 48 settimane la città ospiterà un ricchissimo programma culturale. Anche il cibo gioca la sua parte.

Matera capitale delle cultura

Bisogna accedere alla sezione Radici e Percorsi per rintracciare gli eventi a carattere enogastronomico che animeranno il 2019 di Matera. E non potrebbe essere altrimenti, considerando quanto le produzioni artigianali e le tradizioni culinarie della città siano radicate nella storia del territorio lucano. Da oggi, 19 gennaio 2019, si apre ufficialmente l'anno di Matera Capitale Europea della Cultura: 365 giorni (48 settimane, per dir la verità) sotto i riflettori con l'auspicio l'attenzione mediatica e i finanziamenti stanziati per sostenere il progetto siano un'opportunità di crescita per una città (e una provincia) bellissima quanto meritevole di fare un salto di qualità. Alla cerimonia di apertura, con l'ingresso trionfale tra i Sassi di decine di bande musicali provenienti da tutta la Basilicata e dalle città che prima di Matera hanno rivestito il ruolo (per un totale di 2019 musicisti che convergeranno dalla Murgia e dalla Gravina), farà seguito il ricco palinsesto di appuntamenti, mostre, performance, incontri e iniziative in programma fino al prossimo 19 dicembre, quando Matera si appresterà a passare il testimone. Cinque sono i temi che orienteranno le attività al motto di Open Future. Eppure proprio la memoria e la riscoperta delle tradizioni saranno un perno importante del progetto, perché dalla valorizzazione del passato nascano nuove opportunità di fare cultura nel futuro.

Percorsi culturali intorno al pane

E l'intera filiera del cibo, dal lavoro della terra alla trasformazione del prodotto, all'arrivo in tavola, sarà fonte di ispirazione e fulcro di numerosi appuntamenti.

La Terra del Pane

La Terra del Pane è il percorso costruito intorno a uno dei prodotti più celebri di Matera, il pane tutelato dalla denominazione di origine protetta che un tempo si impastava in casa, prima di portarlo a cuocere presso i forni pubblici della città. Proprio una di queste strutture, nel Sasso Barisano, restaurata per l'occasione dalla Fondazione Sassi, inviterà i più piccoli a mettere le mani in pasta, mentre a tutti si rivolge la mostra fotografica I paesaggi del grano, la rappresentazione dei pani, i marchi del pane. Nell'antico forno, inoltre, è stata riunita una biblioteca di libri sul pane per chi volesse approfondire il tema, in attesa del festival che per due settimane animerà il periodo della raccolta del grano, con mostre, laboratori, dialoghi pubblici e rievocazione di riti propiziatori legati alla fertilità della terra.

Breadway - Le vie del Pane

All'arte bianca e alle sue storie è dedicato anche il circuito Breadway – Le vie del Pane, che porta a percorrere le strade del quartiere Piccianello, tra laboratori, installazioni artistiche e performance sul tema della panificazione. Al progetto si lega anche la creazione di una forma di pane inedita in collaborazione con l'ADI, che sarà eletta simbolo di condivisione tra i popoli d'Europa.

La musica dell'Edible Orchestra

Proprio dal cuore del Vecchio Continente arriverà a Matera anche un'orchestra speciale, l'Edible Orchestra: un gruppo di musicisti viennesi che suonano frutta e verdura di stagione come fossero strumenti musicali, con la collaborazione di Nick Difino e Don Pasta, che allestiranno un auditorium diffuso tra le strade della città.

Zuppa contadina per tutti. La crapiata

Tutti potranno diventare cittadini temporanei della Capitale Europea della Cultura 2019 acquistando (anche online) il Passaporto per Matera: 19 euro per partecipare a tutti gli appuntamenti della kermesse. A entrare nello spirito della festa, sin dalla giornata inaugurale, contribuiranno i contadini locali, servendo tra i Sassi 5mila piatti di crapiata, la zuppa tipica lucana con legumi, grano e peperoni cruschi. Appuntamento dalle 10 del mattino in piazza San Francesco per omaggiare la buona tavola nel primo giorno da capitale della cultura.

https://www.matera-basilicata2019.it/it/

 

a cura di Livia Montagnoli